Le Tradizioni degli Svevi è un associazione culturale senza scopo di lucro, nata da un gruppo di persone con la passione comune per la storia e l’obiettivo di rievocare e riscoprire le antiche tradizioni e gli avvenimenti storici più importanti degli Svevi. Dopo accurate ricerche sugli usi e costumi della casa Sveva e della città di Andria, ci siamo soffermati sull’affascinante storia di Re Federico II di Svevia, conosciuto con gli appellativi stupor mundi (“meraviglia o stupore del mondo”) o puer Apuliae (“fanciullo di Puglia”), ed in particolare sul suo rapporto con la città andriese. Federico II nutriva una grande predilezione per Andria , che godè di larghi aiuti e meritò il titolo di “fidelis” quando, nel 1228, essa si schierò dalla parte dell’imperatore mentre questi era impegnato nei luoghi santi e la Puglia era stata occupata dalle truppe papaline. Infatti egli dimostrò la sua “ affectio” nei confronti della città di Andria realizzando un’ opera unica al mondo.

Il famoso Castel del Monte, una volta antica rocca, adibita dai Gentili a monumento sepolcrale, e successivamente dai Greci, dai Saraceni, dai Longobardi e dai Normanni ridotta a fortezza, fu, da Federico, tramutata in una munificentissima Reggia, che desta ancora l’ammirazione del mondo intero, e dove Egli fissò la sua principale residenza. In questo Castello Federico II trovava il suo ristoro durante le brevi pause dalle penose lotte politiche, dilettandosi nel comporre versi, e nella caccia al falcone. Qui, in Andria, nel 1246, solennizzò il matrimonio di sua figlia Violante (avuta da Bianca Lancia) con Riccardo Sanseverino. Ecco perché l’ associazione Le Tradizioni degli Svevi, volendo rendere merito a Federico II e alla sua corte, ha pensato di rievocare l’avvenimento del matrimonio di Violante e Riccardo Sanseverino. Ma prima di questo evento vogliamo ricordare come si è giunti alle nozze.

Mentre l’imperatore si trovava a Grosseto, i Sanseverino e altri nobili del meridione organizzarono una congiura ai suoi danni. Fu proprio Riccardo ad avvisare Federico della rivolta, il quale si vendicò arrestando e massacrando i congiurati. Rievocheremo diversi episodi della vita dell’imperatore, come la scomunica da parte di Papa Innocenzo IV, avvenuta a Lione nel 1245, la congiura di Capaccio da parte dei suoi amici fidati nel 1246 e a seguire la figura di Riccardo Sanseverino, che si precipitò ad avvisare l’ imperatore della congiura,di ciò informato da un suo amico, che,pentito,in un primo momento aveva partecipato agli incontri dei congiurati. Ricevuta la notizia, Federico II ordinò di catturare tutti i congiurati, ma i suoi cavalieri riuscirono a catturarne solo alcuni dopo una battaglia a suon di spade.

Infine Federico, grato a Riccardo per avergli svelato la congiura, restandogli fedele, gli concesse in sposa il suo fiore più prezioso, la piccola Violante, annunciando che le nozze si sarebbero celebrate nel Castel del Monte di Andria, dal momento che Riccardo, così come Andria “Fidelis”, era stato fedele al suo imperatore. Anche se una parte di storia non si è verificata nella città di Andria, ad esclusione delle nozze di Riccardo e Violante, abbiamo voluto rievocare l’ intera vicenda che ha portato al matrimonio dei due sposi.

Pertanto vi invitiamo numerosi a ripercorrere con noi il sapore e il fascino della suggestiva città di Andria.

Il Presidente
Giuseppe Forni

Guarda il TRAILER

Show Date




Magazine




Produzioni Video

Inserire il nome

inserire la mail

Scivi il messaggio